Archivi per il mese di: novembre, 2013
Pasticceri e pasticcerie 2014

Pasticceri e pasticcerie 2014

Conferme e nuovi volti alla Guida alle dolcezze che ogni anno il Gambero Rosso propone in prossimità delle feste natalizie. Sul palco una nutrita serie di cappelli bianchi hanno ritirato il prestigioso riconoscimento, che per questa edizione è stato assegnato in base al binomio buono & sano. Ed era ora che qualcuno parlasse a favore della meravigliosa pasticceria italiana.

La Campania fa la parte del leone, con Pasquale Marigliano di Ottaviano (Napoli), L’Orchidea di Montesano sulla Marcellana e Pietro Macellaro di Piaggine (entrambi in provincia di Salerno) che si portano a casa le Tre Torte, cioè il massimo riconoscimento. Al primo posto, con il maggior punteggio, resta la Lombardia con la Pasticceria Veneto di Igino Massaria Brescia,  seguita da Andrea Besuschio di Abbiategrasso (Milano), che si porta a casa anche il premio per il Miglior packaging (ma il merito, a sentir lui, andrebbe alla moglie Roberta, esperta in design). 

Degni di menzione, il Millefoglie bar di Andrea de Bellis, a Roma, che conquista il premio Classici di domani, uno speciale riconoscimento conferito in collaborazione con Braims, e Carmelo Sciampagna di Merineo (Palermo), premio Pasticcere emergente, che ha scelto il suo paesino per un’offerta di altissima qualità.

Tra le magnifiche proposte all’assaggio, ci hanno colpito moltissimo: i marrons glacée di  Alessandro Dalmasso, marroni canditi ‘in purezza’, senza sciroppi aggiunti, le spettacolari praline di Pasquale Marigliano, in particolare il Vesuvio Buono, e i panettoni al burro di bufala di Pietro Macellaro.

Annunci
Cantine Adanti di Arquatà, vendemmia 2006

Sagrantino di Montefalco Adanti di Arquatà, vendemmia 2006

Meglio il culatello o la soppressa superdop? Il pecorino vendemmia tardiva o quel grechetto accattivante? Il treccione di bufala che crocchia tra i denti o la farinata di ceci supermorbida perché cotta a oltre 300 gradi (come si dovrebbe, ma beato chi può)?

Sono domande destinate a rimanere senza risposta, perché il bello non è saperlo ma continuare ad assaggiare e sperare di non scoprirlo mai.

SuaEccellenzaItalia, l’evento che il Gambero Rosso annualmente organizza e promuove, è un po’ la ciliegina su una torta a forma di stivale. Da ogni parte d’Italia arrivano specialità e prelibatezze che difficilmente escono dalle regioni di appartenenza, a meno di non incontrare la buona volontà di qualche appassionato. Ed è proprio in queste occasioni che questi eroi del buon mangiare escono dalle cucine, dalle cantine, dalle aziende agricole e raccontano le ragioni alla base delle loro scelte. Che spesso condividono lo stesso punto di partenza: una volta scoperto il buono, ci si rinuncia difficilmente.

Le giardiniere di Morgan Pasqual

Le giardiniere di Morgan Pasqual

A questi appartengono i vari Raffaele Barlotti, produttore di Paestum, e i Bufalini, distributore di prelibatezze del Cilento che ha recentemente aperto un nuovo punto vendita in via di Valtellina a Roma (accanto alla pasticceria Cristalli di Zucchero, per capirsi), Morgan Pasqual del ristorante online take away 5 Sensi di Milano, che ha presentato delle giardiniere equilibratissime e croccanti, Antonio Menconi pubblicitario apostata che della passione per le farine ha fatto un’opera di recupero e diffusione meritoria: ha aperto a Roma da pochi giorni dall’Antò, dove è possibile assaggiare (perché molte delle loro proposte non sono mai arrivate nel Lazio)  prelibatezze a base di farine pregiate come il neccio di castagne, o il testarolo di Pontremoli. Noi ci andremo a breve. Restate sintonizzati.