Pasticceri e pasticcerie 2014

Pasticceri e pasticcerie 2014

Conferme e nuovi volti alla Guida alle dolcezze che ogni anno il Gambero Rosso propone in prossimità delle feste natalizie. Sul palco una nutrita serie di cappelli bianchi hanno ritirato il prestigioso riconoscimento, che per questa edizione è stato assegnato in base al binomio buono & sano. Ed era ora che qualcuno parlasse a favore della meravigliosa pasticceria italiana.

La Campania fa la parte del leone, con Pasquale Marigliano di Ottaviano (Napoli), L’Orchidea di Montesano sulla Marcellana e Pietro Macellaro di Piaggine (entrambi in provincia di Salerno) che si portano a casa le Tre Torte, cioè il massimo riconoscimento. Al primo posto, con il maggior punteggio, resta la Lombardia con la Pasticceria Veneto di Igino Massaria Brescia,  seguita da Andrea Besuschio di Abbiategrasso (Milano), che si porta a casa anche il premio per il Miglior packaging (ma il merito, a sentir lui, andrebbe alla moglie Roberta, esperta in design). 

Degni di menzione, il Millefoglie bar di Andrea de Bellis, a Roma, che conquista il premio Classici di domani, uno speciale riconoscimento conferito in collaborazione con Braims, e Carmelo Sciampagna di Merineo (Palermo), premio Pasticcere emergente, che ha scelto il suo paesino per un’offerta di altissima qualità.

Tra le magnifiche proposte all’assaggio, ci hanno colpito moltissimo: i marrons glacée di  Alessandro Dalmasso, marroni canditi ‘in purezza’, senza sciroppi aggiunti, le spettacolari praline di Pasquale Marigliano, in particolare il Vesuvio Buono, e i panettoni al burro di bufala di Pietro Macellaro.

Annunci