open

Caffeinomani d’Italia rallegratevi pure, in quanto a qualità e quantità non siamo secondi a nessuno! Il ritratto dell’Italia dei bar che emerge dalla guida Bar d’Italia 2017  curata da Gambero Rosso Editore è positivo e incoraggiante. Cresce la professionalità di chi sta dietro al bancone, la consapevolezza dei consumatori, l’attenzione alla selezione delle materie prime, l’offerta si differenzia e si moltiplica, insomma, dal semplice cappuccino e cornetto si è fatta molta strada. E altrettanda se ne farà, dalle parole di Andrea Illy, che disegnano una scena popolata da giovani pieni di talento e voglia di fare.

I bar 2.0 sono soprattutto luoghi di ritrovo, riscoprono il ritmo slow che era tipico di quando il bar si chiamava “caffè”. Ci si andava per sedersi, assaporare una bevanda, accompagnata da qualcosa di buono da mangiare, piccole porzioni, piccoli piaceri, che avevano bisogno di un giusto tempo per essere goduti. L’espresso mordi e fuggi è stato soppiantato – di nuovo – da un’esperienza mordi e stai:  i bar selezionati e premiati dalla Guida di quest’anno, spiccano soprattutto per l’offerta di pasticceria dolce e salata, spesso firmata da grandissimi nomi dell’arte bianca (due fra tutti: Gino Fabbri, Sal De Riso), che fino all’anno scorso incontravamo nell’altra guida dolce del Gambero Rosso, Pasticceri e Pasticcerie. Perchè la rinascita del bar passa soprattutto per l’aperitivo, ed è Sanbittèr a premiare il bar che si è distinto fra tutti per la qualità e l’originalità dell’aperitivo. Parliamo della pasticceria Zizzola, a Noale (VE), che ha vinto per la pasticceria salata, proposta e decorata come se fosse l’alter ego dolce: bigne, babà, cannoli, savarin, mignon e pastine, curati in ogni dettaglio, una gioia per gli occhi prima ancora che per il palato.

dsc_4214

Alcune proposte molto divertenti giocano con forme e colori, come il Choco Sushi di Pino Ladisa, di Valenzano (Bari), una pralineria che mescola consistenze e sapori e si presenta in originali confezioni pronte per essere regalate.

Una giuria a parte composta dai giornalisti Dominique Antognoni (Il Giornale), Emanuele Bonpan (La Stampa), Silvia Frau (Corriere della Sera), Licia Granello (La Repubblica), Alessandra Moneti (Ansa), Luca Sessa (iFood)ha conferito il premio illy Bar dell’Anno a quello tra i finalisti (i bar che hanno conquistato le tre tazzine e tre chicchi) che si è distinto per proposte originali, di qualità e radicate sul territorio ma anche per l’atmosfera che vi si respira. L’illy Bar dell’anno 2017 è Marelet di Treviglio, locale aperto da poco più di un anno e mezzo, ma che attinge a una tradizione consolidata, quella della famiglia Colleoni del ristorante stellato San Martino. Per loro, un viaggio a New York in occasione del Premio Internazionale del caffé Ernesto Illy. Tra le proposte offerte all’assaggio, le cialde di polenta gialla e al nero di seppia, essiccate e poi fritte, croccantissime e leggere, da abbinare ai cremosi di legumi.

Due menzioni speciali sono andate ad altrettanti bar pasticcerie: a Castiglione delle Stiviere, la Viennoiserie Gian, di Gianluca Musatti, specializzata negli sfogliati e lievitati dolci e salati, e a Lecce, al 300mila Lounge di Davide de Matteis, che si conferma campione di eccellenza. Tra le sue proposte, tipiche del territorio, il pesce di pasta di mandorle, faldacchiera (uno zabaione non montato cotto a bagnomaria), cotognata e cioccolato è una assoluta delizia.

A parte i premi come cocktail bar dell’anno, 10 in tutto, tra cui l’immancabile Massimo d’Addezio con il suo ultimo progetto, il Chorus Café all’Auditorium di via della Conciliazione, un cocktail bar con cucina, curata all’inizio (dicembre 2014) da Andrea Fusco del Giuda Ballerino, e attualmente dallo chef Andrea Sangiuliano.

Un’intera sezione della guida è dedicata alle colazioni, in cui spiccano nomi ben noti agli abitué delle pasticcerie: Douce a Genova, Besuschio ad Abbiategrasso, Pasticceria Veneto a Brescia, Gino Fabbri a Bologna, Nuovo Mondo a Prato, Picchio a Loreto (stupende le Cupole fondenti con ganache alla nocciola), Bompiani a roma, solo per citarne alcuni. Per l’occasione, abbiamo anche potuto assaggiare in anteprima una nuova creazione di Mario Canterino dell’omonima pasticceria di Biella (già Bar d’Italia 2015), una versione del bombolone  – per cui va giustamente famoso –  che pare fatta apposta per Halloween: ripieno invece della classica pasticcera, di una crema di zucca… da risuscitare i morti.

 

copbar2017front

Bar d’Italia 2017
1300 indirizzi
400 pp.
Euro 10,00
Gambero Rosso Editore

Salva

Annunci