Orvieto città del gusto e dell’arte ospita chef stellati fino al 2023

Le stelle Michelin illuminano il cielo di Orvieto città del gusto e dell’arte con cene a tema a partire dal 27 settembre e ogni mese fino al 2023

Il Duomo, Orvieto

Tutti parlano di ripartenza, ma poi c’è chi a ripartire ci prova sul serio.

Orvieto città del gusto e dell’arte è una nuova iniziativa dal 27 settembre al 3 ottobre 2021, che ha trovato l’adesione di tantissimi chef stellati che si avvicenderanno nelle cucine dei ristoranti storici della città per realizzare menu incentrati sul vino e sui prodotti tipici del territorio.

È il frutto della collaborazione tra privati e istituzioni per realizzare la famosa ‘rete’ di imprenditori e risorse unica in grado di imprimere una spinta alle economie del territorio. Hanno aderito Comune, Regione, associazioni di categoria e privati (Coldiretti, Consorzio Vino Orvieto, Consorzio Way of Life, Gal, Famiglia Cotarella, JRE e altri).

Non è un evento, ma un progetto – spiega Dominga Cotarella– che guarda oltre, al 2023”.

Al cinquecentenario cioè dalla scomparsa di due grandi artisti del Rinascimento Umbro, Luca Signorelli e Pietro Vannucci, alias Il Perugino. È l’occasione per riportare all’attenzione del pubblico l’arte della splendida cittadina medievale, che si esprime anche attraverso la sua ristorazione.

Ecco che oltre a musei, passeggiate guidate nella storia e nelle bellezze di Orvieto, protagonisti saranno anche i ristoranti tipici, che ospiteranno i grandi nomi della cucina italiana e internazionale per la creazione di menu firmati che raccontino Orvieto, ma non solo.

Il progetto parte da Orvieto ma con l’intenzione di uscire dalle mura per toccare tutti i comuni circostanti e del Trasimeno, valicando anche i confini meridionali dell’Umbria per coinvolgere anche la Tuscia laziale.

Il kick off è oggi, lunedì 27 settembre. Prevede una settimana tra mostre, passeggiate archeologiche e gastronomiche, degustazioni dei vini delle cantine locali (27 su 30 hanno aderito) e dei prodotti tipici, dopocena con mixology e naturalmente cene, che continueranno anche oltre l’evento in senso stretto.

Per tutta la settimana, i ristoranti di Orvieto offrono menu tradizionali con abbinamento ai vini del consorzio di Orvieto e del Trasimeno.

Il programma completo della settimana si può consultare qui.

Orvieto città del gusto, le cene di settembre

Franco Pepe, Pepe in grani, Caiazzo.

Il calendario degli chef stellati di scena a Orvieto città del gusto e dell’arte è già definito fino a giugno 2021, per i mesi successivi si attendono aggiornamenti.

Lunedì 27 settembre, Palazzo dei Congressi. Riccardo Monco e Alberto della Tommasina per Enoteca Pinchiorri (evento esclusivo per American Express, tra i main sponsor della manifestazione).

Martedì 28 settembre, Palazzo dei Congressi, alle 19.30. Anthony Genovese de Il Pagliaccio (Roma) crea un menu dedicato al vino orvietano (120 euro)

Giovedì 30 settembre, Le Grotte del Funaro, alle 19.30. C’è Franco Pepe, di Pepe in Grani di Caiazzo, che propone una degustazione di pizza abbinata al vino (60 euro)

Orvieto città del gusto, tutte le altre cene

Filippo Saporito, La Leggenda dei Frati, Firenze.

Mercoledì 20 ottobre, ristorante Charlie. Peppe Guida, di Antica Osteria Nonna Rosa (Vico Equense)

Giovedì 11 novembre, ristorante Il Malandrino. Roy Caceres, di Carnal (Roma)

Giovedì 2 dicembre, ristorante Osteria Al Mercato. Riccardo Di Giacinto, di All’Oro (Roma)

Giovedì 16 dicembre, ristorante Todoloco. Ciro Scamardella, di Pipero Roma (Roma)

Giovedì 10 febbraio 2022, Cantina Vera Eno Bistrot. Giuseppe Iannotti, del Kresios (Telese BN)

Giovedì 3 marzo 2022, ristorante il Capitano del Popolo. Filippo Saporito, di La Leggenda dei Frati (Firenze)

Giovedì 7 aprile 2022, ristorante Il Miglio. Adriano Baldassarre, ristorante Tordomatto (Roma)

Giovedì 5 maggio 2022, serata giapponese al ristorante Enoteca del Duomo

Giovedì 19 maggio 2022, ristorante Gastronomia Aronne. Le ostriche in abbinamento alla gastronomia orvietana.

Giovedì 19 giugno 2022. Casa Vissani. Gianfranco Vissani e il territorio orvietano nel suo ristorante a Baschi.

to be continued.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.